Il tuo aiuto è importante

Inserisci i tuoi dati

Un momento mentre ti reindirizziamo a PayPal 
Un momento... stiamo elaborando la tua donazione 

Donazione tramite Bonifico Bancario:

Intestato a: Fondazione Carlo Ferri O.N.L.U.S.
IBAN: IT21S0832739240000000001837 
Banca di Credito Cooperativo

Grazie per il sostegno.

Un momento... stiamo elaborando la tua donazione 
Grazie! Controlla la posta, ti abbiamo inviato una email con le istruzioni per trasmettere il bonifico.
Si prega di inserire tutti i campi richiesti
Si prega di inserire e-mail corretta
Si prega di inserire un importo valido

L’importanza della prevenzione

Tumore al seno, quando le nuove tecnologia aiutano la diagnosi precoce.
E si guarisce di più.

 

Fonte: articolo di Sara Bernacchia – La Repubblica

Sensibilizzazione, prevenzione e cura sono stati i temi al centro di ‘Health screening. Le nuove tecnologie per la lotta al tumore al seno’, l’incontro parte del ciclo Talks on Tomorrow, organizzato da H-Farm e Repubblica, in collaborazione con Fujifilm.

“Ho scelto questo mestiere perché avevo imparato che la diagnosi precoce cambia le possibilità di guarigione. Oggi, quando presento a una paziente una diagnosi poco felice, ho la consapevolezza di poterle prospettare una speranza concreta”. Individuare il cancro al seno in una fase precoce, che Enrico Cassano, direttore della divisione di Radiologia senologica dell’Istituto europeo dei tumori di Milano, definisce “la fortuna nella sfortuna”, è infatti fondamentale per far aumentare le possibilità di guarigione. Perché oggi, lo dicono i dati, il cancro al seno si può battere. In Italia sono 815mila donne che lo hanno incontrato o lo stanno combattendo e la percentuale di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è dell’87 per cento. Sensibilizzazione, prevenzione e cura sono stati i temi al centro di ‘Health screening. Le nuove tecnologie per la lotta al tumore al seno’, l’incontro parte del ciclo Talks on Tomorrow, organizzato da H-Farm e Repubblica, in collaborazione con Fujifilm.

“Oggi guarisce fino al 90 per cento dei tumori di meno di un centimetro – sottolinea Cassano – e si possono diagnosticare anche masse inferiori al millimetro”. Tutto a patto che ci si muova in tempo. Il mezzo più indicato resta la mammografia, alla quale, in casi specifici, si possono aggiungere altri esami, come l’ecografia. Il primo obiettivo, quindi, resta sensibilizzare le donne affinché si sottopongano ai controlli, facendo in modo che la loro attenzione non cada nel vuoto.

“In Italia – spiega Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia – ci sono 1.687 mammografi. Di questi il 32 per cento ha più di 10 anni, il 31,3 per cento ne ha tra 5 e 10 e il 36 per cento ne ha meno di 5 anni. Non si può correre il rischio di non individuare ‘un puntinò perché si utilizza un apparecchio troppo vecchio”. Perché l’evoluzione tecnologica degli strumenti può fare la differenza . “Un apparecchio digitale emette fino al 40 per cento di radiazioni in meno rispetto a uno analogico – sottolinea Davide Campari, General Manager Medical Systems Fujiilm Italia – . Il nostro primo mammografo digitale è del 2009 e ora siamo alla terza generazione”.

Tanto per la diagnosi quanto per per la cura le strutture di riferimento restano le Breast Unit, che “comprendono al loro interno tutti gli strumenti e le competenza di cui il paziente ha bisogno durante il percorso di cura, che deve essere il più personalizzato possibile” spiega Riccardo Giovanazzi, direttore della Chirurgia senologica oncologica dell’Ospedale San Gerardo di Monza, che guida la Breast Unit dell’Asst Monza.

“Eccellenza fa rima con esperienza – spiega il medico -, soprattutto nell’attività chirurgica, che resta la più artigianale”. Lo scopo delle ‘unità’ è seguire il paziente in modo completo “coordinando tutte le attività sia prima che dopo l’intervento – aggiunge – , con un’attenzione particolare alla comunicazione con il paziente, l’unica medicina capace di ridare serenità”. Lo dimostra l’esperienza di Loredana Pau, che dopo aver sconfitto il cancro al seno diagnosticatole dieci anni fa è diventata volontaria nella struttura in cui è stata curata e ha fondato un’associazione per “rendere le donne consapevoli e informate, primo passo per avere la garanzia di un percorso di cura adeguato e per essere in grado di accettare la malattia”.

Fonte: articolo di Sara Bernacchia – La Repubblica


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *